Muezzin 3.0

La prima volta che l’ho sentito sono saltata sul letto. Sembrava fosse lì accanto a me. E non nascosto in qualche sala misteriosa del minareto che si vedeva dalla finestra dell’Italian Flat di Beit Sahour. Non saprei dire l’ora. Un momento indefinito per cui di solito si usa l’espressione “nel cuore della notte”. A quell’ora lui, il muezzin, intona quello che qualche giorno più tardi scoprirò chiamarsi adhān, il richiamo alla preghiera obbligatoria per i musulmani. Allah è grande Testimonio che non c’è altro Dio all’infuori di Allah Testimonio che Maometto è il messaggero di Allah Affrettatevi alla preghiera Affrettatevi al benessere Pregare è meglio di dormire Allah è il […]